6/5 SCHIAVI DELLA VIOLENZA @Teatro Edi

Progetto del gruppo teatrale “Polveri di Scena”
Schiavi della violenza
di Pasquale Salerno
regia Lorenzo Capineri

Uno spettacolo nuovo, perché mai messo in scena, perché il suo autore è davvero contemporaneo, e giovanissimo, perché parla alla nostra società senza buonismi e qualunquismi.

Nel testo di Pasquale Salerno “non c’è possibilità di scegliere. Per nessuno”. Siamo tutti Schiavi della Violenza.

Nei primi anni Novanta quattro amici decidono di farsi nuovi Robin Hood. Il fine è eliminare il marcio dalla società con tutti i mezzi a disposizione, portando aiuto alle vere vittime.

Non c’è giustizia in un mondo in cui l’etica ha lasciato spazio alla sola economia, in cui fare ciò che è giusto non è più un valore, in cui la società si fonda sulla violenza, anche se non visibile, nascosta, ambigua.

I quattro protagonisti, Libero, Dante, Cristo e Muto, da piccola banda diventano una vera e propria organizzazione criminale che, colpo dopo colpo, inizierà a infastidire Don Basile, boss della malavita e capo di un impero.

Fermarli non sarà semplice, come non è semplice non farsi catturare da questo racconto limpido e concreto, capace di mostrare le fragilità che ognuno di noi porta in sé.

Non importa da che parte stiamo, se siamo noi i giusti, se siamo noi le vittime, se non facciamo del male ad altri: siamo comunque schiavi della violenza.

Questo è più di uno spettacolo, sono 16 persone, un gruppo affiatato e convinto che fare arte sia un’esigenza di ogni essere umano.

Ognuno di noi ha le sue ferite, le sue fragilità, le sue paure: solo attraverso l’arte, ci dice la neo-compagnia Polveri di Scena, possiamo condividerle, solo facendo arte possiamo cercare di “com-patire”, vivere le nostre emozioni più forti e profonde, insieme.

Polveri di scena è nata dall’incontro tra giovani con un’unica passione: l’arte.

È un gruppo di lavoro che vuole sottolineare il bisogno d’arte e cultura insito nella società e in ogni essere umano. È un gruppo teatrale che vuole mostrare come il Teatro sia di tutti, nonostante non basti il talento per ottenere un successo.

Bisogna provare, provare ancora, con forza, motivazione e coraggio per realizzare i propri sogni, aiutando, per mezzo dell’arte, tutta la società a guardare nel profondo di se stessa.

Per questo lo spettacolo andrà in scena al Teatro Edi Barrio’s, centro di aggregazione giovanile nato nel 1997 ad oggi valutato come uno tra i migliori centri europei per la riqualificazione del territorio e per la socializzazione tra giovani.

*Consigliato ad un pubblico di età non inferiore ai 16 anni.

Biglietti €10

Assistente alla regia Antea Greco
Con Alessandro Sitta, Francesco Benanti Vitale, Marco Campolunghi, Michele Spinicci, Nino Faranna,
Pasquale Salerno, Sara Baldassarre
Scenografie Giulia Violante Teruzzi, Federico Furiato
Musiche Lorenzo Capineri, Pasquale Salerno
Luci Francesco Gentili, Lorenzo Capineri
Trucco e Parrucco Federica Paladini, Laura Alleruzzo
Comunicazione Valentina Nicolosi (Referente generale), Federica Paladini, Lorenzo Capineri, Pasquale Salerno
Organizzatrice Generale Federica Paladini
Direttore Artistico Mohamed Boughanmi (Altre Frontiere)

Info e contatti per prenotazione posti:
Federica Paladini 3478207095
schiavidellaviolenzaproduction@gmail.com (nella mail specificare la data)

Check Also

13/11 h16: Festa per ANNA: “GRAMSCI GAY” @Teatro Edi

FINALMENTE!!! Domenica 13 Novembre – ore 16,00  Anteprima nazionale  dello spettacolo vincitore della Borsa Teatrale ...