12/3 Roger Side of the Floyd @Teatro Edi

Roger Side of the Floyd è un progetto ideato dal cantautore e polistrumentista Marco Del Santo a coronamento di un percorso musicale ed umano significativamente accompagnato dalle sonorità dei Pink Floyd e dalle suggestioni liriche e concettuali di Roger Waters.

Il repertorio proposto si riallaccia alla produzione della storica band inglese nel periodo della leadership di Waters (1973/1983) e alla carriera solista del suo genio creativo, con particolare attenzione ai brani presentati negli ultimi tour.

Roger Side of the Floyd presenterà al teatro Barrio’s uno spettacolo unico nel suo genere, dedicato all’album del 1983 “The Final Cut”, che verrà eseguito integralmente, insieme ad altri classici capolavori.

Special guest della serata, The Lunatics Collectors Club, il gruppo di collezionisti floydiani più importante in Italia, rappresentati da Stefano Girolami e Danilo Steffanina, che parteciperanno all’evento presentando i loro best seller “Pink Floyd. Storie e segreti” e “Il fiume infinito. Tutte le canzoni dei Pink Floyd” entrambi editi da Giunti.

Sarà allestita anche una piccola mostra di rarità discografiche e memorabilia pinkfloydiane.

Per info e prenotazioni, contattare rogersidetribute@gmail.com oppure la paginawww.facebook.com/RogerSideTribute.
OFFERTA PROMO: Il costo per ogni posto a sedere prenotato sarà in promozione fino al giorno dell’evento a 12 euro (acquistato direttamente a teatro il costo sarà di 15 euro).


Roger Side of the Floyd – The Final Cut and others Pink Floyd’s masterpieces:
Marco Del Santo – voce, basso
Giulio Cozzuto – chitarra, voce
Marco Bottarini – chitarra, voce
Fabio Lorenzini – batteria
Mario Fiorin – tastiere
Andrea Garbagnati – tastiere
Virginia Dallagiovanna – voce
Valentina Mariucci – voce
Lorenzo Imperiali – sax

Daniele Lanzara – responsabile tecnico audio
Klaudio Hila – responsabile tecnico luci

Check Also

ABBIAMO BISOGNO DI TE! SOSTIENI “a Teatro nel MI-Barrio’s”

Sei appassionato di musica, teatro, cinema, letteratura? Credi come noi che la cultura debba essere ...